Solo per amore

La vita, l'universo e tutto quanto

Tag: lacrime

Pixel – Prima parte

by cristinadellamore

Lei sta considerando qualcosa che non vedo, deve essere piccola, la tiene nel palmo della mano e deve essere anche qualcosa di sgradevole. Mi avvicino lasciando sul fuoco la casseruola nella quale cuociono i carciofi per stasera e finalmente lei alza gli occhi, che sono palesemente velati: adesso vedo anche che regge tra le dita una vecchia pennetta USB; lei ha un’espressione disgustata, come se fosse qualcosa di sporco.

Leggi il seguito di questo post »

Ritardi

by cristinadellamore

Arrivo a casa tardissimo, molto più del solito, e lei mi salta addosso non appena apro la porta, mi bacia come se volesse mangiarmi, mi abbraccia come se volesse stritolarmi, e tra un bacio e l’altro mi dice quasi piangendo: “Perché non hai avvertito, amore? Sono quasi morta di paura”. Non ci penso neanche a rispondere, ricambio l’abbraccio ed i baci e davvero sento il sale delle lacrime sulle guance di lei e la stringo ancora più forte e non mi rendo conto che le faccio anche male, io ho ancora addosso il giaccone e lei porta solo la maglietta XXL che comprato io, sei magliette a venti euro, due a testa comprendendo la cugina, e le usiamo in casa a tutela del comune senso del pudore adesso che comincia a far caldo.

Leggi il seguito di questo post »

Controllo

by cristinadellamore

Lei mi tiene stretta, io affondo il capo nell’incavo tra la spalla de il collo di lei e lascio che le lacrime scorrano, e le bagno la pelle e la camicia da notte di cotone pesante, quella che abbiamo comprato al mercatino, un po’ ingiallita, e che abbiamo lavato con la massima cura, stirato e inamidato, e ieri sera lei la ha indossata per giocare alla mogliettina pudica.

Leggi il seguito di questo post »

Confessioni

by cristinadellamore

Dopo, in genere, è il momento delle carezze languide e gentili, dei piccoli baci , dei sorrisi e delle poche parole felicemente sussurrate – parole d’amore e di felicità.

Leggi il seguito di questo post »

Scarabocchi

by cristinadellamore

Caratteri incomprensibili che si aggrovigliano su loro stessi, impressi su fogli ingialliti. Leggo sopra la sua spalla, o almeno vorrei, ma non capisco niente.

“Graecum est, non legitur”, dice lei, e mi spiega che è una formula medievale, figuriamoci, quando i monaci che copiavano i testi a mano trovavano appunto questi strani sgorbi.

Leggi il seguito di questo post »

Del rumore e delle sue conseguenze

by cristinadellamore

Stridere di freni, poi il tonfo di metallo contro metallo e l’urlo di un clacson bloccato. Ci voltiamo, ovviamente, e ci troviamo davanti a due automobili incastrate una dentro l’altra, lamiere contorte, parabrezza crepati, e non mi chiedo come sia successo, la mia prima reazione e correre lontano. Ho paura di incendi ed esplosioni, nei film di azione si vede sempre la macchine che si incendia o peggio ancora esplode, non mi piacerebbe trovarmici vicino.

Lei mi tiene per mano, come sempre, e non si muove. Guarda con occhi sbarrati e lascia cadere la borsa della spesa, per fortuna portava carne e verdure, nella mia c’è la bottiglia di olio e quella di vino, e le uova.

Leggi il seguito di questo post »

L’amore crudele

by cristinadellamore

“Papà e mamma lo vedevano almeno una volta al mese, abbracciati sulla stessa poltrona e con l’obbligo del religioso silenzio; voglio vederlo con te”.

E sia, un film di quasi cinquant’anni fa. Ma almeno pop corn e coca cola ci saranno?

“Questo non è un film da pop corn”.

E allora mozzarella di bufala di due giorni prima tagliata a dadini e schegge di prosciutto di Guarcino, e una bottiglia di Vermentino. Parte il film, ci stringiamo sulla poltrona di pelle, e come è bella Venezia, vorrei chiederle se mi ci porta anche solo per un fine settimana, ma c’è l’obbligo del silenzio, anche per noi.

Ed è bellissima anche Florinda Bolkan, e mi accorgo che lei le assomiglia un po’ e la stringo più forte. Se ne accorge e per un istante sento le sue labbra che sfiorano la mia pelle; ma il film continua, questi due si dilaniano come scorpioni in una bottiglia.

Il prosciutto è dolcissimo, la mozzarella è compatta e non cola il latticello, e mi viene quasi da ridere davanti alle basette del cameriere: ma come si fa a mangiare gli spaghetti a Venezia?

Leggi il seguito di questo post »

Dei molteplici usi di una treccia ben fatta

by cristinadellamore

Quasi senza accorgermene, mi sono trovata in ginocchio davanti a lei, il capo affondato tra le sue gambe; lei si era appoggiata al bracciolo della venerabile poltrona del bisnonno e, quando alzavo gli occhi, vedevo che teneva i suoi semichiusi, la braccia abbandonate lungo il fianchi, per meglio assaporare la mia carezza.

Poi ho chiuso gli occhi anch’io e mi sono persa, come drogata dal suo sapore sulle labbra, fino a che uno strattone non mi ha fatto dolorosamente piegare il collo all’indietro. Mi aveva presa per la treccia.

Lei sa che non mi dispiace una misurata brutalità, e dosa sempre perfettamente la forza. Ma non questa volta: mi ha fatto male, mi si sono riempiti gli occhi di lacrime, lo ha visto e non si è scusata.

“Girati”, mi ha ordinato con un tono che non le sentivo da tempo e con una voce resa opaca da qualcosa a metà tra desiderio e furia; ho obbedito e restando in ginocchio le ho voltato le spalle, con un movimento che una volta mi era familiare, e intanto mi sono chiesta cosa potesse essere successo.

Non ho fatto in tempo a trovare una soluzione: ho sentito le sue labbra prima, la sua lingua poi, sulla nuca, ed è passato tutto, immediatamente, con un brivido che si è fatto strada lungo la spina dorsale ed oltre. Ho provato ad abbassare il capo per assecondarla e lei ha di nuovo aumentato la presa sulla treccia prima di intimarmi: “Ferma così”, e di affondare i denti nella tenera carne alla base del collo.

Leggi il seguito di questo post »

EssereDonna&Mamma

forse il segreto è non pensarci più e godermela fino in fondo

Daniele Peluso

Fotografia, scrittura, minimalismo, voli pindarici, nebbie ed utopie.

Viaggio dentro me

Qui tutti possono essere ciò che vogliono

Ibelieveinunicorns

Mi piace essere la cosa giusta nel posto sbagliato e la cosa sbagliata nel posto giusto, perché accade sempre qualcosa di interessante. Andy Warhol

toffee

you believe forever

Crèmisi Poetica

Essere altrove da memoria trafitta / come nube leggera di gravità arresa . / Essere pensiero bisbigliante e concavo / di pace bramosa in stallo fra le risposte. ©Runa

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Appunti sparsi

Il disordine non esiste.

paracqua

Un buco nell'acqua, mica facile a farsi

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

La Casa Di Marte

Il momento dove la notte è più buia... è quello più vicino all'alba.

Moll(am)y

Costringimi, ma lasciami andare. Vieni anche tu, se no faccio da sola!

Il Quadernetto

Appunti caotici, ironici, romantici.

un'italiana ad amburgo

Let your past make you better, not bitter ;)

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

Schiava di MasterSem

Coerenza è comportarsi come si è e non come si è deciso di essere.

Maestro e margherita

Tenebra e tenerezza

Gramonhill - Il blog di Luke

Cinema, racconti e altro...

ZonaProibita

ATTENZIONE VIETATO AI MINORI amore&trasgressione

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

unarossasottosopra

"... il red carpet per una curvy"

Nadia Fagiolo

Racconti, poesie, recensioni e molto altro ancora ...

Res Coquinariae

Food Bloggers

Almeno Tu

racconti e riflessioni

Firstime in Boston

Pensieri disgiunti in universi congiunti.

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Bruciami Dentro

Chi sono io? Sono solo una piccola donna che lotta ogni giorno contro i suoi demoni. A volte vincono loro e mi lasciano come un guscio vuoto, pronta ad essere nuovamente devastata. Altre volte invece sono io a vincere e allora vedo il sole anche se sta diluviando

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Confessions...My life

«L'eleganza non è farsi notare, ma farsi ricordare" Giorgio Armani

New Phoenix

L'inverno sta arrivando

My Lady Cherry

Sono sempre stata convinta che la libertà di espressione sia fonte di arricchimento, confronto e crescita personale, nel rispetto di tutti e per tutti. Spunti di riflessione e svago.

Le recensioni di Helleenne

Divoratrice di libri, amo scrivere recensioni e perdermi tra le pagine dei romanzi che leggo.

Café Days

When you're dead, you're dead. Until then, there's ice cream.

Syana from Paris

From Paris with love

Alice Jane Raynor

Sperava presto di raccogliere il segreto per essere felici

il mio tempo sospeso

letture ed altri pensieri

Cosa vuoi Vivian? Voglio la favola

racconti d'amore, sogni e sapori

Sogno di Strega

Un pizzico di magia ogni giorno

NonInUnDemoneSolo (blog di diegofanelli)

Nonìn, tranquillo, sarai sempre un demone... (blog sottoposto a Licenza Creative Commons - vedi sezione "About")

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: