Solo per amore

La vita, l'universo e tutto quanto

Tag: D/s

E giustizia per tutte – Seconda parte

by cristinadellamore

(Segue da qui)

“Mi piace quando sei obbediente, amore. Vieni qui, adesso”. Lei si accomoda sullo sgabello e mi fa il grande onore di alzare la gonna: posso sdraiarmi direttamente sulla pelle vellutata delle lunghe cosce tornite di lei e, attraverso la camicetta sottile, sentirne il tepore. I capelli mi cadono sul viso, dopo che lei ha rialzato la mia gonna esponendo il mio culetto incrocio con un certo sforzo i polsi dietro la schiena. Per qualche istante sono solo un grumo di carne e nervi che freme nell’attesa, ho davanti agli occhi la caviglia sottile di lei e mi sforzo per non cercare di baciarla.

Leggi il seguito di questo post »

Abitudini e riti

by cristinadellamore

In vista della punizione la sottomessa si spoglia ed attende in ginocchio, sola, nella stanza al buio, seduta sui talloni, le ginocchia divaricate ad esporre il sesso, le braccia sulle cosce, le mani con i palmi all’insù. Davanti a lei c’è un tavolino basso con su il collare e lo strumento che verrà utilizzato: stasera la cinghia di cuoio alta, spessa e rigida che Madame usa spesso indossare con i jeans.

Leggi il seguito di questo post »

Pixel – Terza parte

by cristinadellamore

(Questa è l’ultima parte, segue da qui)

“Non è stata la mia prima donna, ma è stata la prima donna di cui sono stata una proprietà”. Mi chino in avanti per baciare di nuovo non le labbra ma le guance di lei, di nuovo per assaporare le lacrime salate e dolcissime. Poi chiudo le labbra di lei con mie. Non voglio sapere cosa facevano, e perché, questo è il passato e non posso e voglio sentirlo; ma lei si libera dalla mia presa, mi prende il volto tra le mani e mi tiene così, per parlare nella mia bocca, gli occhi negli occhi. Non mi oppongo, perché lei ha bisogno di parlare di questo, ed io ascolterò e poi cercherò di dimenticare, perché non posso e non voglio immaginarla indifesa e sperduta come sono stata sperduta ed indifesa io stessa.

Leggi il seguito di questo post »

Dopo tutto, prima del resto

by cristinadellamore

“Rilassati, amore, faccio io”. Ma certo. Lei mi accarezza con la voce prima che con le dita, ed io sono già abbastanza rilassata e tranquilla, legata a spreadeagle sul nostro lettone, dopo il piacere che lei ha preso e dato. Tengo gli occhi semichiusi e le labbra semiaperte e cerco di controllare il respiro un po’ affannoso ed il battito del mio cuore che ancora pompa così forte da rimbombarmi nelle orecchie.

Leggi il seguito di questo post »

Secondo tempo

by cristinadellamore

“Grazie amore”. Lei sta ancora riprendendo fiato e anche io. Con due dita giocherello ancora nelle accoglienti cavità del corpo di lei, che ha poggiato il capo sulle mie tette e non mi abbraccia perché ha le mani legate dietro la schiena.

Leggi il seguito di questo post »

Il ruolo nei giochi

by cristinadellamore

“Più forte amore, ti prego”. Lei quasi mi implora ed io ho una gran voglia di accontentare la preghiera che mi rivolge, a quattro zampe sull’orlo del nostro letto. Io sono in piedi, armata del nostro strap-on preferito, e sto prendendo lei da dietro, con tutta la forza che la passione mi consente; con una mano tengo saldamente il guinzaglio nuovo, un metro di catena luccicante ed una robusta impugnatura di cuoio nero, con l’altra accompagno le spinte con gli sculaccioni: sono già venuta due volte, lei neanche una ma so per certo che è molto vicina alla meta.

Leggi il seguito di questo post »

Maglioni ed altri strumenti

by cristinadellamore

“Questa è una serata da maglione, amore”. Lei lo ha deciso dopo aver messo il naso fuori dalla finestra, ed ha dato il buon esempio, visto che ha indossato un pesante cardigan color sabbia sulla camicia bianca di taglio maschile ed una lunga gonna blu di lana; purtroppo ha coperto i piedini con grossi calzettoni blu ed io continuo a pensare a come sarebbe bello sfilarglieli lentamente e leccare devotamente le dita che so essere perfette e profumate e dolcemente saporite. Mi balocco con questa idea ed ho tutta la serata per pensarci, visto che alla scrivania c’è anche la cugina, che ha scelto il maglione rosso che le sta tanto bene ed ha preso in prestito un paio di pantaloni di velluto a coste, completando il tutto con gli scarponcini scamosciati che sì, sarebbero estivi, ma vanno benissimo per completare l’insieme, e fra le due sembra di essere in un film ambientato in qualche elegante palazzo nella campagna britannica. Io ho un po’ protestato prima di rinunciare alla felpa un po’ logora cui sono affezionata, visto che nei primi tempi era l’unico capo di abbigliamento che lei mi concedeva, ed ho concluso la protesta indossando un pesante maglione bianco a coste e le calze a righe orizzontali da uomo comprate nel negozio specializzato, che costano uno sproposito e mi arrivano ben sopra il ginocchio. Tra l’orlo delle calze ed il bordo del maglione solo il mio nuovo perizoma nero, comprato ai saldi, addirittura più ridotto di quelli che indossa lei, anche se mi gelo un po’ il culo nonostante il parquet sul quale sono accovacciata, ai piedi di lei. Per fortuna nell’angolo cottura sobbolle lentamente emanando un profumino stuzzicante la pentola di coccio della nonna di lei con il minestrone che mangeremo tra un po’, e sarà sempre troppo tardi: ho anche fame, giornata faticosa e corsa più che impegnativa.

Leggi il seguito di questo post »

Luci e città (o forse il contrario) – Trentaduesima parte

by cristinadellamore

(Psss, segue da qui)

“Vuoi fare clinical, amore? Non lo abbiamo mai provato, mi sembra una buona idea. Io sceglierei questo, invece. Che te ne pare?”. Bellissima, chissà come mai non la avevo notata, un’elegante casacca con gradi e mostrine completa di chepì, ci sono anche il fischietto e la mantellina e insomma è perfetto per trasformarsi in un flic da film degli anni ’50. Sarà bellissimo farsi arrestare da lei e quasi istintivamente offro i polsi come per farmi ammanettare. Lei sorride e mi bacia la punta delle dita.

Leggi il seguito di questo post »

Luci e città (o forse il contrario) – Ventesima parte

by cristinadellamore

(Segue da qui)

“Davvero hai voglia di frustarmi sulle tette, amore?”. Lei mi si è avvicinata abbastanza da sussurrarmelo all’orecchio, e sì che siamo le uniche italiane, qui; ma è una cosa da sussurrare, appunto, per sottolineare la nostra complicità. Faccio segno di sì, e penso che sarebbe ancora più bello farlo sul terrazzo condominiale, a casa nostra, a notte fonda: è un bel po’ che non andiamo più lì a giocare, da quando sono cominciati i lavori di tinteggiatura del condominio, due e passa anni fa. Lei mi porge una fetta di pane ben imburrata ed io riesco ad immaginare la scena.

Leggi il seguito di questo post »

Luci e città (o forse il contrario) – Diciannovesima parte

by cristinadellamore

(Qui la parte precedente)

“Grazie, Signora”. Ho dato a lei il permesso di venire, mentre lecco lì dove il frustino ne ha segnato le carni e affondo gentilmente le dita dentro di lei, trovando rovente, umida e profumata l’ampia fessura che conosco così bene, e subito dopo sento la risata di gioia che pure conosco ed amo. Prima lascio che lei scarichi tutta la tensione e l’eccitazione, poi la abbraccio gentilmente. So che devo restare appoggiata di lato, non posso stendermi come desidero sul corpo di lei per prendere a mia volta tutto il piacere del modo per non pesare lì dove la carne di lei, dopo il piacere, tornerà a provare dolore. Mi muovo un po’ così, come mi trovo, contro il fianco snello di lei ed è comunque bellissimo, parlo e parlo e lei mi ascolta in disciplinato silenzio, solo ha contratto i muscoli per offrire più resistenza, e nonostante i jeans e le mutandine sento contro la mia carne sensibile ed eccitata la pelle di lei.

Leggi il seguito di questo post »

EssereDonna&Mamma

forse il segreto è non pensarci più e godermela fino in fondo

Daniele Peluso

Fotografia, scrittura, minimalismo, voli pindarici, nebbie ed utopie.

Viaggio dentro me

Qui tutti possono essere ciò che vogliono

Ibelieveinunicorns

Mi piace essere la cosa giusta nel posto sbagliato e la cosa sbagliata nel posto giusto, perché accade sempre qualcosa di interessante. Andy Warhol

toffee

you believe forever

Crèmisi Poetica

Essere altrove da memoria trafitta / come nube leggera di gravità arresa . / Essere pensiero bisbigliante e concavo / di pace bramosa in stallo fra le risposte. ©Runa

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Appunti sparsi

Il disordine non esiste.

paracqua

Un buco nell'acqua, mica facile a farsi

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

La Casa Di Marte

Il momento dove la notte è più buia... è quello più vicino all'alba.

Moll(am)y

Costringimi, ma lasciami andare. Vieni anche tu, se no faccio da sola!

Il Quadernetto

Appunti caotici, ironici, romantici.

un'italiana ad amburgo

Let your past make you better, not bitter ;)

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

Schiava di MasterSem

Coerenza è comportarsi come si è e non come si è deciso di essere.

Maestro e margherita

Tenebra e tenerezza

Gramonhill - Il blog di Luke

Cinema, racconti e altro...

ZonaProibita

ATTENZIONE VIETATO AI MINORI amore&trasgressione

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

unarossasottosopra

"... il red carpet per una curvy"

Nadia Fagiolo

Racconti, poesie, recensioni e molto altro ancora ...

Res Coquinariae

Food Bloggers

Almeno Tu

racconti e riflessioni

Firstime in Boston

Pensieri disgiunti in universi congiunti.

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Bruciami Dentro

Chi sono io? Sono solo una piccola donna che lotta ogni giorno contro i suoi demoni. A volte vincono loro e mi lasciano come un guscio vuoto, pronta ad essere nuovamente devastata. Altre volte invece sono io a vincere e allora vedo il sole anche se sta diluviando

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Confessions...My life

«L'eleganza non è farsi notare, ma farsi ricordare" Giorgio Armani

New Phoenix

L'inverno sta arrivando

My Lady Cherry

Sono sempre stata convinta che la libertà di espressione sia fonte di arricchimento, confronto e crescita personale, nel rispetto di tutti e per tutti. Spunti di riflessione e svago.

Le recensioni di Helleenne

Divoratrice di libri, amo scrivere recensioni e perdermi tra le pagine dei romanzi che leggo.

Café Days

When you're dead, you're dead. Until then, there's ice cream.

Syana from Paris

From Paris with love

Alice Jane Raynor

Sperava presto di raccogliere il segreto per essere felici

il mio tempo sospeso

letture ed altri pensieri

Cosa vuoi Vivian? Voglio la favola

racconti d'amore, sogni e sapori

Sogno di Strega

Un pizzico di magia ogni giorno

NonInUnDemoneSolo (blog di diegofanelli)

Nonìn, tranquillo, sarai sempre un demone... (blog sottoposto a Licenza Creative Commons - vedi sezione "About")

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: