Solo per amore

La vita, l'universo e tutto quanto

Tag: coppia gay

Un tranquillo week end di emozioni – Parte quattordicesima

by cristinadellamore

(La parte precedente è qui)

Così stimolata e motivata affronto il pellegrinaggio con il sorriso sulle labbra e trovo anche gradevole l’erba umida e fresca sotto la pianta dei miei piedini nudi mentre ci addentriamo in un altro lato della proprietà e marciamo a coppie seguendo la padrona di casa e la sua fidanzata bionda che hanno aggiunto alle tuniche colorati delle coroncine di fiori, boccioli di rose rosse per la padrona in nero, azzurrissimi fiordalisi per la bionda. Con aria indifferente resto indietro rispetto a lei finché non mi trovo accanto alla rossa che arranca un po’: non deve essere abituata come me all’attività fisica, e probabilmente va fiera del suo corpo un po’ rotondetto dalle curve pronunciate; è alta almeno cinque centimetri più di me e questo certamente la aiuta. Allora, di cosa dobbiamo parlare?

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Un tranquillo week end di emozioni – Parte tredicesima

by cristinadellamore

(Segue da qui)

“Non essere timida, amore. Serviti, ho paura che oggi non si mangerà altro”. Lei dà il buon esempio e si riempie un piatto di uova strapazzate e pancetta, riempie anche il mio, poi caffè e succo di arancia. Per qualche ragione le amiche danno un’occhiata alla nostra scelta e ci imitano. Cioè, non è vero, la ragione la conosco, lei è nata per essere una leader, da lei promana una forza tranquilla ed una sicurezza di sé che invita chiunque sia nelle vicinanze ad abbassare gli occhi e dire Sì Signora. Mi siedo e mi rendo conto che ho dimenticato di prendere un po’ di pane, poi vedo due belle fette accanto al mio piatto: ovviamente ci ha pensato lei, non avrei dovuto preoccuparmi. E mentre mangiamo la padrona di casa ci spiega che oggi, subito, faremo una specie di pellegrinaggio attraverso tutta la tenuta, seguendo un percorso scelto con particolare attenzione ed accuratamente tracciato, che simulerà le migrazioni di quei popoli che questi rituali ci hanno tramandato. Poi resteremo in meditazione e finalmente, al tramonto, accenderemo il nuovo fuoco dell’estate e celebreremo le nozze con la natura. Quando la spiegazione è finita riesco a non ridere solo perché lei mi tiene la mano e mi imbocca addirittura per costringermi a bere un po’ di questo caffè che purtroppo è orribile.

Leggi il seguito di questo post »

Un tranquillo week end di emozioni – Parte dodicesima

by cristinadellamore

(Psss, la parte precedente è qui)

“Sveglia, amore”. Apro gli occhi e mi trovo le labbra di lei a portata di bacio: come resistere alla tentazione? Lei mi accontenta, ricambia e finalmente si stacca da me col fiato un po’ corto. Mi accorgo che è già lavata, vestita e pettinata e sembra un’educanda ottocentesca con una tunica bianca incrostata di pizzo, maniche corte ed una piccola scollatura. Lei si accorge a sua volta del mio sguardo e fa una piroetta da ragazzina per farsi ammirare: come tutto quello che indossa le sta benissimo e la gonna ondeggia e si alza abbastanza da concedermi un bello spettacolo. Vorrei dirle di lasciar perdere e raggiungermi a letto ma lei, sempre sorridendo, ha un gesto dei suoi; è il gentile ma fermo ordine di alzarmi e andare in bagno, prepararmi, vestirmi e raggiungere lei, il tutto con un piccolo cenno della mano cui non posso resistere. Resisto invece alla tentazione di mettermi in ginocchio e baciare quella mano con la quale mi ha dato l’ordine: anni fa lo facevo e mi rendeva felice, poi lei mi ha pregato di rinunciare a quest’atto di omaggio che un po’ mi manca.

Leggi il seguito di questo post »

E giustizia per tutte – Seconda parte

by cristinadellamore

(Segue da qui)

“Mi piace quando sei obbediente, amore. Vieni qui, adesso”. Lei si accomoda sullo sgabello e mi fa il grande onore di alzare la gonna: posso sdraiarmi direttamente sulla pelle vellutata delle lunghe cosce tornite di lei e, attraverso la camicetta sottile, sentirne il tepore. I capelli mi cadono sul viso, dopo che lei ha rialzato la mia gonna esponendo il mio culetto incrocio con un certo sforzo i polsi dietro la schiena. Per qualche istante sono solo un grumo di carne e nervi che freme nell’attesa, ho davanti agli occhi la caviglia sottile di lei e mi sforzo per non cercare di baciarla.

Leggi il seguito di questo post »

Un tranquillo week end di emozioni – Parte undicesima

by cristinadellamore

(Segue da qui)

“Quando vuoi, amore”. Le prime volte ero in difficoltà anche nell’assumere la posizione che lei mi aveva insegnato, adesso grazie a lei sono più in forma, più magra e tonica, e mi è più facile. Così, tenendo le braccia dietro la schiena ed il busto più eretto possibile mi accovaccio bilanciandomi sulla punta dei piedi, con le ginocchia ben alte e divaricate. Non dovrei ma per un istante alzo lo sguardo e mi beo dell’espressione di lei, che mi fissa con amore e desiderio e più di un briciolo di aspettativa. Abbasso di nuovo lo sguardo, tiro un bel respiro e procedo, un bel getto che brilla sotto le luci che arrivano fin qui. Una volta lo facemmo in autunno inoltrato nel bosco accanto al paese in Basilicata e fu ancora più spettacolare perché al contatto con l’aria fredda dall’urina si alzò uno sbuffo di vapore, ma sono certa di aver fatto molto bene anche adesso.

Leggi il seguito di questo post »

E giustizia per tutte – Prima parte

by cristinadellamore

“Stasera non ti sei comportata bene, amore”. Lei si è appena chiusa la porta alle spalle e mi fissa con occhio severo; per una pizza d’inizio estate con un gruppo un po’ più allargato di amici ha indossato una camicia di seta bianca chiusa fino alla gola ed una gonna nera, dritta e stretta fin sotto il ginocchio: le sta benissimo anche se è fin troppo elegante. Ha scelto lei quello che dovevo indossare, camicetta di cotone un po’ troppo aderente sulle tette e gonnellina blu a portafoglio, il tutto completato dai mocassini bassi che mi regalò proprio lei tantissimi anni fa, e insomma, siamo davvero una bella coppia da cartone animato porno giapponese. Sì, avevo capito che voleva giocare, e allora a cena mi sono comportata proprio come una ragazzina maleducata, ruttando dopo la birra, pulendomi la bocca col dorso delle mani e civettando con i camerieri. Quindi chino il capo e mi metto quasi sull’attenti.

Leggi il seguito di questo post »

Un tranquillo week end di emozioni – Parte decima

by cristinadellamore

(La parte precedente è qui)

“Facciamo in fretta, amore, una cosa del genere lo sai che mi piace troppo e non ho voglia di aspettare a lungo”. Lei si muove contro di me e mi dà l’impressione di essere io a guidarla, spingendo, affondando e muovendo le dita, mi afferra le tette a piene mani e comincia a stringere e quando ho finalmente tre dita dentro di lei si irrigidisce per un istante prima di venire di nuovo. Io ci sono vicina, non ci arrivo ma non importa, so che avrò altre occasioni. Come magari avrò l’occasione di bagnarmi in quella fontana: stasera non se ne parla, lei ora è in piedi, mi sovrasta come mi merito, e mi porge prima il piedino da baciare, poi la mano per aiutarmi a rialzarmi.

Leggi il seguito di questo post »

Abitudini e riti

by cristinadellamore

In vista della punizione la sottomessa si spoglia ed attende in ginocchio, sola, nella stanza al buio, seduta sui talloni, le ginocchia divaricate ad esporre il sesso, le braccia sulle cosce, le mani con i palmi all’insù. Davanti a lei c’è un tavolino basso con su il collare e lo strumento che verrà utilizzato: stasera la cinghia di cuoio alta, spessa e rigida che Madame usa spesso indossare con i jeans.

Leggi il seguito di questo post »

Un tranquillo week end di emozioni – Parte nona

by cristinadellamore

(Psss, qui la parte precedente)

“Sì, amore, sì. Non fermarti, continua”. La voce di lei mi arriva da molto lontano, e non ho bisogno di rispondere: non smetterei mai di baciare ed assaporare lei in questo modo. Lei continua a dirmi le dolcissime oscenità che ama sussurrare e che io adoro ascoltare per un tempo troppo breve, poi sento che si contrae e rilassa sopra di me ed esplode nella sua risata di gioia. Faccio appena in tempo a dolermi che sia già finita, però.

Leggi il seguito di questo post »

Un tranquillo week end di emozioni – Parte ottava

by cristinadellamore

(Segue da qui)

“Lo stesso che hai in mente tu, amore, ed ho in mente anche io”. E così rallentiamo il passo ed alla prima occasione lei lascia il sentiero, supera una siepe e ci ritroviamo in una specie di alcova, un bellissimo tappeto d’erba, e addirittura una piccola fonte che chiocciola in una vasca palesemente antica, ricoperta di muschio. Potremmo essere sole sulla faccia della terra, silenzio e buio tutto attorno; lei pianta la torcia per terra e, le mani finalmente libere, mi abbraccia. Cerca le mie labbra con le sue, le forza gentilmente con la lingua e mi assapora, e intanto mi accarezza la schiena fino a trovare il mio culetto che riempie i jeans. Ricambio il bacio e mi inarco per sentire meglio la presa di lei sulle natiche, e pensando a quello che le dita sottili, forti e delicate di lei sanno fare sul mio corpo già pregusto quello che accadrà, e per restare in piedi mi appoggio contro il corpo snello di lei ed a mia volta ne stringo i fianchi in un abbraccio.

Leggi il seguito di questo post »

EssereDonna&Mamma

forse il segreto è non pensarci più e godermela fino in fondo

Daniele Peluso

Benvenuti nel mio Albergo d’Anima. Fotografia amatoriale, scrittura amatoriale, minimalismo, voli pindarici, nebbie ed utopie.

Viaggio dentro me

Qui tutti possono essere ciò che vogliono

Ibelieveinunicorns

Mi piace essere la cosa giusta nel posto sbagliato e la cosa sbagliata nel posto giusto, perché accade sempre qualcosa di interessante. Andy Warhol

The Other Side Of The Fumettaio

Pensieri vaganti (ed adulti), ma dal lato "cassa" del bancone.

toffee

you believe forever

Nodi.Arsi.Sotto.La.Pelle

Essere altrove da memoria trafitta / come nube leggera di gravità arresa . / Essere pensiero bisbigliante e concavo / di pace bramosa in stallo fra le risposte. ©Runa

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Appunti sparsi

Il disordine non esiste.

paracqua

Un buco nell'acqua, mica facile a farsi

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

teetering on the brink

Frammenti di vita, d'immaginazione, e realtà

La Casa Di Marte

Il momento dove la notte è più buia... è quello più vicino all'alba.

Moll(am)y

Costringimi, ma lasciami andare. Vieni anche tu, se no faccio da sola!

Il Quadernetto

Appunti caotici, ironici, romantici.

un'italiana ad amburgo

Let your past make you better, not bitter ;)

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

Besos de Cuero

"When pain and pleasure become ecstasy." - Erotic tales of dominance, submission and transcendence.

Schiava di MasterSem

Coerenza è comportarsi come si è e non come si è deciso di essere.

Maestro e margherita

Tenebra e tenerezza

GramonHill

Cinema, racconti e altro...

ZonaProibita

ATTENZIONE VIETATO AI MINORI amore&trasgressione

Araba Fenice

Infilerò la penna ben dentro al vostro orgoglio, perché con questa spada vi uccido quando voglio.

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

unarossasottosopra

"... il red carpet per una curvy"

Lady Nadia

Racconti, poesie e molto altro ancora ...

Res Coquinariae

Food Bloggers

Almeno Tu

racconti e riflessioni

Firstime in Boston

Pensieri disgiunti in universi congiunti.

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

volodirondine

...in fondo la fotografia è un modo più sbrigativo per fare una scultura!

Bruciami Dentro

Chi sono io? Sono solo una piccola donna che lotta ogni giorno contro i suoi demoni. A volte vincono loro e mi lasciano come un guscio vuoto, pronta ad essere nuovamente devastata. Altre volte invece sono io a vincere e allora vedo il sole anche se sta diluviando

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Confessions...My life

«L'eleganza non è farsi notare, ma farsi ricordare" Giorgio Armani

New Phoenix

L'inverno sta arrivando

Chiara Saracino

Studio Storia e Critica dell'arte e dello spettacolo, laureata in Beni artistici e dello spettacolo all'Università di Parma. Sono cresciuta a Padova ma dal 2015 vivo a Parma dove la mia passione per l'arte continua e si fortifica. Sono innamoratissima di Edoardo con cui, oltre alla nostra magica relazione, condivido la mia vita e tutte le mie passioni.

My Lady Cherry

Sono sempre stata convinta che la libertà di espressione sia fonte di arricchimento, confronto e crescita personale, nel rispetto di tutti e per tutti. Spunti di riflessione e svago.

Le recensioni di Helleenne

Divoratrice di libri, amo scrivere recensioni e perdermi tra le pagine dei romanzi che leggo.

Café Days

When you're dead, you're dead. Until then, there's ice cream.