Solo per amore

La vita, l'universo e tutto quanto

Tag: capodanno

Vigilando

by cristinadellamore

Originariamente pubblicato il 4 gennaio 2015, ecco uno dei pochi post di attualità della nostra amica Cristina.

Mario Siniscalchi

La faccenda del capodanno senza polizia municipale è diventata, più che grossa, enorme. E soprattutto quelli che parlano con cognizione di causa vengono, generalmente, sbertucciati sui blog e sui social network. Io con gli esponenti del corpo di polizia di Roma Capitale (adesso si chiama così, e già solo a scriverlo mi viene da ridere) cerco di avere il meno a che fare possibile, e vivendo qui a Roma mi sono fatta qualche precisa opinione.

Primo: non ho bene idea di cosa facciano, ma certamente non regolano il traffico. Ricordate le immagini in bianco e nero con il pizzardone nel bel mezzo di piazza Venezia che con gesti degni del Maestro Abbado dà “l’entrata” ora all’una ora all’altra colonna di vetture? Bene, non esiste più. Ce ne sono sempre alcuni, all’angolo con via del Corso, ma il loro podio resta desolatamente deserto, abbassato al livello della pavimentazione stradale. Qualche volta mettono le multe o controllano la rimozione delle auto in sosta di intralcio, ma il tutto viene effettuato secondo criteri indecifrabili ed in zone sempre ben lontane da quelle più commerciali: non sia mai i negozianti perdano una vendita perché il loro cliente deve correre via e spostare la macchina.

Leggi il seguito di questo post »

Ricominciamo

by cristinadellamore

Pubblicato per la prima volta il primo di gennaio 2015, quando cominciava per la nostra amica Cristina e la sua lei – Stella – un nuovo anno di amore e felicità coniugale.

Mario Siniscalchi

Non era un locale, ma un superattico probabilmente abusivo sui tetti di Roma, lì dove siamo andate ad attendere la mezzanotte, con un gruppetto di amiche ed amici accuratamente selezionati. Lei aveva organizzato tutto e mi ha, come sempre, colta di sorpresa, a cominciare dall’abito. Per completare il gioco, è andata a vestirsi all’altro capo dell’appartamento, ed è comparsa con un tubino rosa che la copriva il minimo indispensabile, calze velatissime e tacchi vertiginosi; ho letto nei suoi occhi che come mi piaceva il suo vestito a lei piaceva il mio e per un attimo ho desiderato restare a casa.

Lei lo ha capito benissimo, ovviamente, e ci ha messo poco a convincermi: “Ti divertirai”, mi ha detto, “staremo assieme, vicine, e ci desidereremo, adoro essere accanto a te in mezzo agli altri”.

La cena è stata raffinatissima, ma migliore ancora la compagnia. Conoscevo ovviamente qualche coppia, la mia collega con la moglie incinta, la sua ex collega (del vecchio lavoro) col nuovo fidanzato, i coniugi francesi, avvocato uno e medico l’altro, incontrati a Parigi in una precedente vita. Anche quelli che non avevo mai visto prima si sono dimostrati simpatici, gentili e di ottima conversazione; ma soprattutto c’era lei, che mi faceva sentire, semplicemente guardandomi, la regina della serata: ogni volta era come se mi dicesse: “Questa serata è dedicata a te”.

E sì, si è dimostrata poi la verità. A mezzanotte abbiamo bevuto dalla stessa coppa, ci siamo baciate e, le labbra sulle mie, mi ha augurato buon anno aggiungendo: “Quello che desideri, quest’anno lo faremo, e accidenti a tutto il resto”.

Lei mantiene sempre le sue promesse, e davvero, io manterrò la mia di amarla e onorarla e starle sempre accanto, e non mi sarà certamente faticoso.

In prospettiva

by cristinadellamore

D’accordo, forse è ancora prematuro, ma una cosa del genere, completa di vestaglietta rossa, mi piacerebbe davvero indossarla per lei, ovviamente aggiungendoci le scarpe dalla suola pure rossa che non utilizzo mai per uscire; magari per il prossimo capodanno, perché no.

E lei dovrà mettere lo smoking del nonno, completo di cravattino: lo porta così bene che mi fa subito venire voglia di toglierglielo per vedere dove sta il trucco.

Spoiler: il trucco non c’è.

 

Benvenuta

by cristinadellamore

Insomma, tra natale e capodanno non è che si combina molto in ufficio, ma quest’anno, per qualche motivo, non si chiude bottega. Perciò, dopo quattro giorni a casa, che si sommano ad altri quattro passati in ferie per festeggiare l’insperato successo, l’obbiettivo raggiunto e forse la promozione, la sveglia suona di nuovo prestissimo, siamo andate a correre sotto una pioggerellina fastidiosa e dopo la doccia e la prima colazione mi sono rivestita di malavoglia il più informale possibile con felpa, jeans e stivaletti borchiati e mi sono trasferita, con scarsissima buona voglia, in ufficio.

Leggi il seguito di questo post »

Scelte

by cristinadellamore

Dunque, lei sta organizzando qualcosa per capodanno; non so cosa, e non so se coinvolgerà anche la cugina con il suo professore. Comunque anche io mi sto organizzando: ho dato un’occhiata alle vetrine e sono indecisa.

Voi quale suggerite?

Leggi il seguito di questo post »

Esplosioni – Quinta parte

by cristinadellamore

(Qui la parte precedente)

Questa faccenda di aspettare l’anno nuovo è un po’ particolare. Ricordo una volta, un ragazzo che mi piaceva mi incastrò nel bagno della casa piena di amici, mi fece inginocchiare e mi venne in faccia allo scoccare della mezzanotte, rovinandomi definitivamente il trucco e senza pensare minimamente a ricambiare. Ed io stupida e fierissima di me, naturalmente, unica scusa avevo quattordici anni. Ma non ci voglio ripensare, la mia ricerca della felicità si è conclusa.

Leggi il seguito di questo post »

Esplosioni – Quarta parte

by cristinadellamore

E comunque, che male c’è? Cioè, certamente rischia di soffrire se si aspetta qualcosa di più di una bella notte, ma c’è già passata, più o meno, e non è più una ragazzina. Approfitto dell’occasione per baciare di nuovo lei, e quando ci stacchiamo vedo che finalmente sorride. Sono fiera di me, farla star bene fa parte dei miei doveri di moglie, è compreso nell’amarla, onorarla e obbedirle, e ci riesco quasi sempre. Mi guardo di nuovo attorno, e intanto lei mi accarezza fugacemente il sedere, poi ci ripensa e ci appoggia la mano per tenercela. Ma certo, a lei piace toccarmi, ogni volta che può, ed io adoro quando lo fa. E adesso alla cugina pensa un po’ meno, ne sono sicura.

Leggi il seguito di questo post »

Esplosioni – Seconda parte

by cristinadellamore

Il viaggio è relativamente breve, non c’è neanche molto traffico. Lei parcheggia al riparo di un albero, in una stradina che si arrampica sinuosa tra palazzine dall’aspetto simpaticamente antico. So più o meno dove siamo, è il quartiere operaio costruito durante il ventennio ed ora di gran moda; moda che fatico a capire, ma ovviamente non ha importanza. La cugina si guarda attorno e dice che qui ci veniva da ragazzina, ed era un viaggio per lei, a trovare una amica, e che poi ha smesso, non ci dice perché, e adesso non capisce più dove si trova e comunque è molto bello. Lei annuisce, alla luce di un lampione i suoi occhi castani brillano, come lampeggiano i suoi denti bianchissimi e perfetti, scoperti da un altro sorriso che decido essere dedicato a me sola. Ci fa segno di muoverci, e lo facciamo seguendo la nostra nuova abitudine: lei in mezzo, la cugina ed io ai suoi fianchi.

Leggi il seguito di questo post »

Uniformi

by cristinadellamore

Davanti al negozio di abbigliamento per preadolescenti, con lei e la cugina. Sì, perché poi abbiamo deciso che questo capodanno lo festeggeremo, o meglio, lo ha deciso lei e la cugina ci ha pensato solo un attimo prima di dire sì, va bene, hai ragione, mamma sarebbe d’accordo.

Leggi il seguito di questo post »

Divertimenti – Quinta parte

by cristinadellamore

(Qui, qui, qui e qui le parti precedenti)

Intorno a noi ancora scoppiano i tappi delle bottiglie di champagne, qualcuno ha alzato il volume della musica, auguri per tutti.

Io ho cominciato l’anno nel migliore dei modi possibili ed ho bisogno di riprendere fiato: lei dice che a volte vengo come un uomo, con la stessa folle intensità che mi lascia mezza morta. Credo che sia per gli uomini che è stata coniata l’espressione petite mort.

Leggi il seguito di questo post »

EssereDonna&Mamma

forse il segreto è non pensarci più e godermela fino in fondo

Daniele Peluso

Fotografia, scrittura, minimalismo, voli pindarici, nebbie ed utopie.

Viaggio dentro me

Qui tutti possono essere ciò che vogliono

Ibelieveinunicorns

Mi piace essere la cosa giusta nel posto sbagliato e la cosa sbagliata nel posto giusto, perché accade sempre qualcosa di interessante. Andy Warhol

toffee

you believe forever

Crèmisi Poetica

Essere altrove da memoria trafitta / come nube leggera di gravità arresa . / Essere pensiero bisbigliante e concavo / di pace bramosa in stallo fra le risposte. ©Runa

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Appunti sparsi

Il disordine non esiste.

paracqua

Un buco nell'acqua, mica facile a farsi

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

La Casa Di Marte

Il momento dove la notte è più buia... è quello più vicino all'alba.

Moll(am)y

Costringimi, ma lasciami andare. Vieni anche tu, se no faccio da sola!

Il Quadernetto

Appunti caotici, ironici, romantici.

un'italiana ad amburgo

Let your past make you better, not bitter ;)

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

Schiava di MasterSem

Coerenza è comportarsi come si è e non come si è deciso di essere.

Maestro e margherita

Tenebra e tenerezza

Gramonhill - Il blog di Luke

Cinema, racconti e altro...

ZonaProibita

ATTENZIONE VIETATO AI MINORI amore&trasgressione

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

unarossasottosopra

"... il red carpet per una curvy"

Nadia Fagiolo

Racconti, poesie, recensioni e molto altro ancora ...

Res Coquinariae

Food Bloggers

Almeno Tu

racconti e riflessioni

Firstime in Boston

Pensieri disgiunti in universi congiunti.

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Bruciami Dentro

Chi sono io? Sono solo una piccola donna che lotta ogni giorno contro i suoi demoni. A volte vincono loro e mi lasciano come un guscio vuoto, pronta ad essere nuovamente devastata. Altre volte invece sono io a vincere e allora vedo il sole anche se sta diluviando

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Confessions...My life

«L'eleganza non è farsi notare, ma farsi ricordare" Giorgio Armani

New Phoenix

L'inverno sta arrivando

My Lady Cherry

Sono sempre stata convinta che la libertà di espressione sia fonte di arricchimento, confronto e crescita personale, nel rispetto di tutti e per tutti. Spunti di riflessione e svago.

Le recensioni di Helleenne

Divoratrice di libri, amo scrivere recensioni e perdermi tra le pagine dei romanzi che leggo.

Café Days

When you're dead, you're dead. Until then, there's ice cream.

Syana from Paris

From Paris with love

Alice Jane Raynor

Sperava presto di raccogliere il segreto per essere felici

il mio tempo sospeso

letture ed altri pensieri

Cosa vuoi Vivian? Voglio la favola

racconti d'amore, sogni e sapori

Sogno di Strega

Un pizzico di magia ogni giorno

NonInUnDemoneSolo (blog di diegofanelli)

Nonìn, tranquillo, sarai sempre un demone... (blog sottoposto a Licenza Creative Commons - vedi sezione "About")

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: