Al bar

di cristinadellamore

Il piacere della compagnia e dell’esser in due anche in mezzo agli altri: la nostra amica Cristina ci parla di questo, a modo suo e con la sua gentile ironia.

Mario Siniscalchi

Solo per amore

Non la chiamo happy  hour, quando sono con lei tutti i minuti sono felici; qualche volta condivido la mia felicità per sua presenza con i colleghi suoi, o miei. L’ultima volta erano i suoi, che poi sono pure simpatici tranne uno, che sbircia nelle scollature e sotto l’orlo delle gonne.

Ma lei ci ride, dice che con le colleghe è diventato un gioco.

E stasera guarda me. Peccato per lui, viaggiamo in moto, quindi pantaloni, ma quando sbottono la giacca di pelle appare la maglietta con lo scollo a barca che a lei piace tanto vedermi addosso, e sì, scopre un bel po’ del seno che appartiene solo a lei.

Ma stasera ho una sorpresa anche io, e sono sicura che l’ha organizzata lei: il suo collega antipatico era in compagnia di un ragazzo alto, bruno, barbuto, che ha presentato a tutti come suo marito.

E finalmente rido anch’io, con lui…

View original post 4 altre parole