Solo per amore

La vita, l'universo e tutto quanto

Mese: dicembre, 2018

Soldi e denari – Prima parte

by cristinadellamore

L’appuntamento è ad un’ora improponibile ma il cliente ha sempre ragione, quindi mi trovo puntualissima, nel buio di questo tardo autunno particolarmente bagnato ma non freddissimo, nel cuore dell’ansa barocca, come è diventato di moda chiamarla, insomma tra piazza Navona, Campo de’ Fiori ed il lungotevere; una stradina tranquilla, il selciato con i sanpietrini un po’ sporco come dovunque a Roma, e tanti palazzi importanti. In particolare, quello davanti al cui portone sbarrato mi trovo un po’ come una questuante, con la particolarità che sulla parete non c’è la placca moderna del citofono.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Luci e città (o forse il contrario) – Ventottesima parte

by cristinadellamore

(Segue da qui)

“Lecca, amore, e senti come sa di te”. Lei è sempre alle mie spalle e mi porge di nuovo le dita sottili da baciare, con le quali sa darmi tutto il piacere del mondo ed anche un po’ di più. Lecco e succhio e sì, sento il sapore di me, mischiato al gusto indescrivibile della pelle di lei. E anche questa volta mi chiedo come mai sia così bello farlo a lei, sentendola fino in fondo alla gola, mentre quando facevo qualcosa del genere ai ragazzi che mi volevano restavo completamente indifferente, pur riuscendo a renderli felici in pochi minuti. Confusamente, mi chiedo come sarebbe fare lo stesso a lei, se fosse possibile: è la prima volta che mi pongo il problema, deve dipendere da quello che ho mangiato e bevuto, dall’aria di questa città, o forse dal sorriso complice della francesina mentre lei mi accarezzava e mi faceva crescere la voglia. Probabilmente sarebbe bellissimo, ma è già bellissimo così, e me lo faccio bastare.

Leggi il seguito di questo post »

In prospettiva

by cristinadellamore

D’accordo, forse è ancora prematuro, ma una cosa del genere, completa di vestaglietta rossa, mi piacerebbe davvero indossarla per lei, ovviamente aggiungendoci le scarpe dalla suola pure rossa che non utilizzo mai per uscire; magari per il prossimo capodanno, perché no.

E lei dovrà mettere lo smoking del nonno, completo di cravattino: lo porta così bene che mi fa subito venire voglia di toglierglielo per vedere dove sta il trucco.

Spoiler: il trucco non c’è.

 

Luci e città (o forse il contrario) – Ventisettesima parte

by cristinadellamore

(La parte precedente è qui)

Geneviéve sta spiegando che le case a Parigi costano carissimo, quindi si deve accontentare di un salottino con angolo cottura, una cameretta ed un bagno per restare nel quartiere in cui è cresciuta e nel quale si trova benissimo; mi guardo attorno e quasi cado dallo sgabello perché improvvisamente la testa mi gira un po’, lei mi tiene saldamente e sento una gradevole presa sulle tette; sorrido, ogni scusa è buona. Comunque l’appartamento è piccolo ma è una bomboniera, mi piacerebbe davvero avere un punto d’appoggio così in questa città che mi piace tantissimo e nella quale davvero vorrei vivere con lei. Lei che continua a tenermi stretta e ad accarezzarmi le tette mentre la nostra ospite sorride sopra l’orlo di una tazza come la mia prima di commentare che si vede che abbiamo una gran voglia di fare l’amore e che si sente, a questo punto, di troppo, ci chiama un tassì se abbiamo davvero tanta fretta.

Leggi il seguito di questo post »

La battaglia: mezzodì (16)

by cristinadellamore

Storie di Elfi e di Uomini

Belladonna prese la sua decisione in fretta. La folle carica di cavalleria leggera del nemico aveva reso vano il suo piano, ma aveva anche lasciato senza guida lo sparuto gruppo di fanteria elfica; la stessa carica era stata rumorosa, e Belladonna si aspettava di veder comparire da una piccola clessidra all’altra i lancieri condotti da Lana Mastdottir. Sguainò quindi la spada lunga e si alzò in piedi, proprio davanti al nemico, una giovanissima Elfa che stava avvicinandosi cautamente dopo aver gettato un’occhiata indifferente all’Elfo disarcionato che ancora giaceva faccia a terra. Non abbastanza cautamente: la spada lunga si alzò e poi calò con un sibilo in un colpo di traverso dall’alto in basso, aprendo in due il bersaglio dalla spalla all’anca. La guardia cadde senza un lamento in un lago di sangue; Belladonna cambiò la presa sulla spada e la piantò nella gola dell’avversaria, prima di ordinare al giovane contadino:…

View original post 431 altre parole

Vintage

by cristinadellamore

Solo per amore

“Mi tolgo tutto, vuoi che tenga le scarpe? No, stasera le terrai tu e le leccherò, ma prima darò spettacolo. Lascia perdere, niente giocattoli, lo faccio alla vecchia maniera, due dita prima in bocca poi sui capezzoli, che schizzano in avanti a cercarti, vorrebbero un tuo baio, magari un tuo morso. Li strizzo un po’ più forte, così, tu non ti muovere da lì, fai un piccolo sacrificio e sarai ricompensata, perché so come reagisci e come reagisco. E poi da qui è la strada più breve per arrivare a destinazione, e non ho bisogno di bagnarmi di nuovo le dita, qui sono già umida, e neanche devo guardare e posso fissarti negli occhi, che bella l’idea di essere tutte lisce anche qui, sono diventata ancora più sensibile, e addirittura mi sembra che il grillettino, qui, si è gonfiato, tu che ne dici? Piano, pianissimo, quando sono così ci vuole…

View original post 212 altre parole

Idee

by cristinadellamore

Insomma, per scaricare i nervi dopo una riunione con i clienti che è andata malissimo ci sono solo due modi: sesso o shopping.

Leggi il seguito di questo post »

Luci e città (o forse il contrario) – Ventiseiesima parte

by cristinadellamore

(Segue da qui)

Lei sorride e mi solleva dal compito di continuare la conversazione: insomma, pare che Geneviéve sia felicemente e perfettamente bisessuale e che probabilmente stia facendo un pensierino su una serata un po’ movimentata. Improvvisamente arrossisco, la biondina sorride comprensiva e lei stringe la presa sulla mia coscia: possibile che io sia così trasparente? Geneviéve confessa che sì, magari una mezza idea le è anche venuta, specie dopo aver visto lei – e come mai non sono sorpresa? – ma ovviamente si capisce benissimo che non siamo disponibili a cose del genere, è un peccato ma bisogna prenderne atto.

Leggi il seguito di questo post »

Risotto al sangue

by cristinadellamore

Una domenica di pioggia anche se non è particolarmente freddo. Siamo uscite a correre e non abbiamo preso tanta acqua, per fortuna, poi ci siamo rintanate in casa, luci accese e panni stesi ovunque. Solo per smaltire l’umido del pranzo ho preso tanta acqua, maledizione, anzi no. Già, perché lei, pentita per avermi mandata giù senza ombrello, si è presa amorevolmente cura di me mentre il risotto alla pescatora era in cottura.

Leggi il seguito di questo post »

Luci e città (o forse il contrario) – Venticinquesima parte

by cristinadellamore

(Qui la parte precedente, per chi se la fosse persa)

Dunque, dopo i convenevoli di rito come dicono i cronisti sportivi all’inizio dei collegamenti per le partite di calcio, hanno cominciato a parlare di lavoro; la nostra nuova e sorridente amica, evidentemente affascinata da lei, cosa che non mi sorprende, si occupa di servizi internet, lavora da casa e cura l’immagine social di un bel gruppo di piccole celebrità locali, lavoro impegnativo ma divertente, mi viene da pensare mentre ascolto interessata, e chissà quanto remunerativo. Probabilmente abbastanza, stasera la francesina è elegantissima ed esibisce una borsetta di quelle che io posso solo sognare: roba a cinque zeri, con lista di attesa e magari devi fare anche un pompino al direttore del negozio per avere il privilegio di spendere tutti quei soldi.

Leggi il seguito di questo post »

The Other Side Of The Fumettaio

Pensieri vaganti (ed adulti), ma dal lato "cassa" del bancone.

toffee

you believe forever

Nodi.Arsi.Sotto.La.Pelle

Essere altrove da memoria trafitta / come nube leggera di gravità arresa . / Essere pensiero bisbigliante e concavo / di pace bramosa in stallo fra le risposte. ©Runa

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Appunti sparsi

Il disordine non esiste.

paracqua

Un buco nell'acqua, mica facile a farsi

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

teetering on the brink

Frammenti di vita, d'immaginazione, e realtà

La Casa Di Marte

Il momento dove la notte è più buia... è quello più vicino all'alba.

Moll(am)y

Costringimi, ma lasciami andare. Vieni anche tu, se no faccio da sola!

Il Quadernetto

Appunti caotici, ironici, romantici.

un'italiana ad amburgo

Let your past make you better, not bitter ;)

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

Besos de Cuero

"When pain and pleasure become ecstasy." - Erotic tales of dominance, submission and transcendence.

Schiava di MasterSem

Coerenza è comportarsi come si è e non come si è deciso di essere.

Maestro e margherita

Tenebra e tenerezza

GramonHill

Cinema, racconti e altro...

mai senza make up

Be Glamour With Humour

ZonaProibita

ATTENZIONE VIETATO AI MINORI amore&trasgressione

Araba Fenice

Infilerò la penna ben dentro al vostro orgoglio, perché con questa spada vi uccido quando voglio.

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

unarossasottosopra

"... il red carpet per una curvy"

Lady Nadia

Racconti, poesie e molto altro ancora ...

Res Coquinariae

Food Bloggers

Almeno Tu

racconti e riflessioni

Firstime in Boston

Pensieri disgiunti in universi congiunti.

agores_sblog

le parole cadono come foglie

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

volodirondine

...in fondo la fotografia è un modo più sbrigativo per fare una scultura!

Bruciami Dentro

Chi sono io? Sono solo una piccola donna che lotta ogni giorno contro i suoi demoni. A volte vincono loro e mi lasciano come un guscio vuoto, pronta ad essere nuovamente devastata. Altre volte invece sono io a vincere e allora vedo il sole anche se sta diluviando

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Confessions...My life

«L'eleganza non è farsi notare, ma farsi ricordare" Giorgio Armani

New Phoenix

L'inverno sta arrivando

Chiara Saracino

Studio Storia e Critica dell'arte e dello spettacolo, laureata in Beni artistici e dello spettacolo all'Università di Parma. Sono cresciuta a Padova ma dal 2015 vivo a Parma dove la mia passione per l'arte continua e si fortifica. Sono innamoratissima di Edoardo con cui, oltre alla nostra magica relazione, condivido la mia vita e tutte le mie passioni.

My Lady Cherry

Sono sempre stata convinta che la libertà di espressione sia fonte di arricchimento, confronto e crescita personale, nel rispetto di tutti e per tutti. Spunti di riflessione e svago.

Le recensioni di Helleenne

Divoratrice di libri, amo scrivere recensioni e perdermi tra le pagine dei romanzi che leggo.

Café Days

When you're dead, you're dead. Until then, there's ice cream.

Syana from Paris

From Paris with love

Alice Jane Raynor

Presto ce ne andremo, seguendo il vento, non più vincolati da niente