Mezzanotte

di cristinadellamore

Questa è l’ultima sera che passiamo al mare e la padrona di casa ha deciso di organizzare una spaghettata di mezzanotte. Un po’ mi dispiace, avrei preferito un po’ più di intimità per trascinare di nuovo lei sulla spiaggia e fare un’altra volta l’amore; ci penso, e penso anche che dovremmo in qualche modo ricambiare, magari invitando le amiche in Basilicata. Lo dico, anche, uscendo dalla stanza da bagno, ancora immersa nella nuvola di vapore. Lei non mi risponde, forse non mi ha sentita. Per intanto, lasciato cadere l’asciugamano, mi guardo attorno e non trovo più i vestiti che avevo preparato da indossare dopo la doccia. Trovo però lei, di spalle, china sul cassettone nell’angolo: imperialmente nuda, costituisce una tentazione alla quale non so resistere, mi avvicino a passi di lupo e mi chino per baciarle il culetto alto e sodo.  

“Fallo pure, amore, ma un bacetto e basta, ti prego”. Mi ha sentita, mi ha vista, non lo so, ma neanche stavolta sono riuscita a coglierla di sorpresa. Obbedisco, e capisco che ha ragione, come sempre: mi resta la voglia, per tutta la serata ripenserò al sapore di lei che ho appena potuto gustare. 

“Per stasera ci possiamo aspettare anche il bagno, prima della spaghettata, amore; o forse dopo, non lo so. Per fortuna ho portato qualcosa di adatto: quale preferisci?”. Davvero, è una scelta difficile, ma io so come piaccio di più a lei e la accontenterò.

Annunci