Espressioni

di cristinadellamore

“Guida tu, amore. Io sono stanca”. Ma certo. Dunque, il meccanico mi ha riconsegnato lo scooter ma insomma, non mi convince come va, e allora per andare al mare, in questo sabato in cui si festeggia anche il compleanno di lei e la cugina rientra stasera per andare a cena tutte assieme, non lo prendiamo e preferiamo la venerabile Ural che sembra indistruttibile.

Lei è stanca e si vede, ed in parte è colpa mia: abbiamo cominciato a festeggiare ieri sera, abbiamo ripreso stamattina, ed abbiamo anche trovato il tempo e la forze di andare a correre. I festeggiamenti sono continuati sotto la doccia ed avrei una mezza idea di riprenderli prima possibile, magari mentre ci prepariamo per uscire. Ed anche lei: visto che mentre procediamo quasi al passo in mezzo a due file di macchine sulla strada regionale verso la spiaggia esplora con gesto possessivo il mio pancino attraverso la maglietta sottile, con la scusa di reggersi sul sellino del passeggero. Io ricambio come posso, con la mano sinistra, accarezzando il ginocchio rotondo lasciato scoperto dai calzoncini corti.

Sì, perché oggi fa davvero caldo, sembra già estate, e siamo vestite il meno possibile. L’idea del mare, sia pure il dì della festa della Repubblica, è venuta a tanta gente: percorriamo a passo d’uomo i venticinque chilometri scarsi e quando arriviamo dobbiamo lasciare la moto parecchio lontano dall’ingresso della nostra spiaggia preferita che, scopriamo, e piena ma non pienissima, per fortuna. Così troviamo un bel posto per due lettini affiancati, praticamente sul bagnasciuga, dove spira un gradevolissimo venticello.

Via le magliette, via le scarpe da ginnastica, via i pantaloni e lei mi sorride e si stende sulla schiena per farsi mettere la crema; ma certo, poi ricambia, come sempre. Al primo tocco sobbalza un po’ e capisco subito perché ha sorriso: è ancora tutta rossa e indolenzita per la lunga sculacciata che ho amorevolmente inflitto, ed èe davvero un bello spettacolo.

Anche io sto dando spettacolo: non ho tolto il plug col brillantino che lei, ad un certo punto, mi ha infilato nel culetto dopo avermi a lungo leccata, e immagino la sua faccia quando se ne accorgerà.

Annunci