Emozioni

di cristinadellamore

Mi sono svegliata qualche minuto prima del solito, e nella mezza luce di un’alba tardiva a causa dell’ora legale mi sono voltata nel lettone, piano, per non dare fastidio a lei che ho sentito respirare accanto a me. Mi sono voltata per ammirare il suo profilo e per proteggere il suo riposo.

Ieri sera aveva ancora qualche doloretto ed un gran livido sul fianco snello, livido che ho baciato devotamente e leccato gentilmente prima di vederla prendere finalmente sonno. Adesso, in questi ultimi minuti prima che la sveglia prenda vita e dia il via ad una nuova giornata, guardo lei, perfettamente rilassata, con un accenno di sorriso sulle labbra sottili e mi trattengo dallo sfiorarle con un bacio.

Sento anche l’odore di lei, mischiato al mio, quello del piacere che le ho dato prima di abbracciarla e quasi cullarla, grata del lieve peso del corpo di lei sul mio e del calore del respiro di lei sulla mia carne. E finalmente parte la sveglia, mi chino e sfioro le labbra di lei con la punta della lingua, le forzo gentilmente per baciarla e sentire anche il sapore di lei.

E lei senza aprire gli occhi ricambia il bacio e mi abbraccia, mi tiene stretta, le dita sottili e forti quasi si conficcano nella mia schiena prima, nelle natiche poi, e comincio a gemere nella bocca di lei.

“Sicura di avere tempo, amore?”, mi chiede lei allontanandosi solo di un millimetro. Sì, sempre.

Annunci