Contanti

di cristinadellamore

Mi sono da un po’ di tempo abituata ad andare in giro con pochi soldi in borsetta. Bancomat, carta di credito, ho smesso di usare il libretto degli assegni ma ho l’app sul telefonino, in teoria potrei fare un bonifico davanti alla vetrina, entrare e portarmi via la merce, e mi hanno spiegato che c’è una nuova funzione anche per i piccoli pagamenti tipo la colazione, ma visto che non ho ben capito come funziona ho deciso di non usarla.

Unico problema, la mia bancarella preferita, a due passi dall’ufficio, proprio accanto a dove parcheggio lo scooter. Il simpatico bengalese arriva praticamente assieme a me, e spesso coglie l’occasione di mostrarmi qualche cosa che, secondo lui, potrebbe piacermi. Oddio, magliette da due soldi, in genere, o semplici vestitini con tanto sintetico e poco cotone, anche per l’estate, ma colori e disegni, in alcuni casi, sono simpatici e insomma a volte cedo alla tentazione. Tienimelo da parte, gli dico, ci vediamo stasera alle cinque.

Poi finisce che esco dall’ufficio alle sette passate, come in questo periodo, ma il bengalese non si perde d’animo e mi aspetta: sa che di lì devo passare, vede il mio scooter parcheggiato e magari ho anche il vantaggio di una sorveglianza antifurto.

Ecco, l’altra mattina il bengalese mi ha fatto vedere le nuove felpe più pesanti in vista dell’inverno ma io sono rimasta colpita da un vestito assolutamente improponibile. Rosso fuoco, ricoperto di lustrini, elasticizzato e a grande risparmio di stoffa: senza maniche, a occhio, mi avrebbe coperta dai capezzoli all’inguine.

Nel suo italiano basico, il mio interlocutore mi ha fatto notare che non le sono sembrata il tipo che indossi una cosa del genere, e poi ha aggiunto che sì, era comunque invernale e che costava più caro, purtroppo, anche se mi poteva venire incontro. Solo che dopo una giornata incasinatissima ho dimenticato di prelevare, e alla fine mi sono portato via quella mostruosità per venticinque euro, tutti i contanti che avevo in tasca, compresi gli spiccioli.

Ma a lei è piaciuto tantissimo, mi ha pregato di tenerlo addosso per tutta la notte.