Collegamenti – Prima parte

di cristinadellamore

Lei è partita di nuovo per lavoro. Mi ha avvisata la sera prima, dopo avermi servito a lungo come la più devota delle sottomesse, con attenzione e dedizione, tanto che non ho mai dovuto usare il frustino per richiamarla all’ordine.

“E’ una cosa importante, e se va in porto ci potremo rifare il tetto della casa al paesello”, mi ha spiegato prima di ricominciare a leccarmi i piedi. Non ha potuto neanche dirmi dove deve andare, c’è una serissima questione di riservatezza, e mi ha gentilmente intimato di non chiederlo neanche alla cugina che sarebbe rimasta a casa con me.

“Lo sa, ma non può dirtelo. E’ meglio che non glielo chiedi, davvero”. Non vorrei mai mettere quella ragazza alla quale ormai sono affezionata in difficoltà, quindi mi tengo la curiosità: magari quando lei torna potrà raccontarmi qualcosa di più.

Così stamattina sono stata io a svegliarla molto delicatamente, con un bacio di quelli che a lei piacciono tanto, e la ho accompagnata alla stazione – partiva molto presto – prima di proseguire per l’ufficio. La giornata è stata scandita dai suoi messaggi, ad intervalli regolari: so che in condizioni del genere, probabilmente lei è impegnata in riunioni nel corso delle quali si decide se il servizio di piatti della bisnonna deve essere considerato bene personale o comune e non sembri ridicolo perché magari si sta parlando di qualcosa che ad un’asta varrebbe qualche centinaio di migliaia di euro, non può chiamarmi, ed è meglio che io non risponda.

In effetti anche io ho avuto da fare, tutto il giorno, per il nuovo progetto Ripresa. Mi sono trovata, insomma, a fare per la prima volta in vita mia la team leader, e di quale team!

Vediamo, l’amministrativo è un anziano ragioniere a due passi dalla pensione. Anzi, come ha detto più volte, potrebbe andare in pensione anche domani; il messaggio, chiarissimo, è: ragazzina, fatti da parte e lasciami lavorare. No, grazie; deve lavorare, ma secondo i miei ritmi ed i miei tempi.

Il nerd è un nerd. Sociopatico quanto basta, refrattario all’acqua e sapone se i cinque minuti di una doccia interferiscono con lo smanettamento sui suoi programmi, e comunque trasandato il giusto nel vestire. Mi piacerebbe farmi regalare quella maglietta con la linguaccia dei Rolling Stones, ma credo proprio che non ci riuscirei in nessun modo: alla prossima riunione metterò una felpa vintage con il logo di Fruit of the Loom, e che era del nonno di lei, voglio vedere se questo tipo la riconosce.

Ci ho messo tre ore per organizzare il lavoro, pagando probabilmente anche il prezzo dell’inesperienza, e sì che mi ero preparata. Comunque posso dire di essere soddisfatta: dobbiamo fare una nuova estrazione dal nostro archivio dei clienti che hanno usato i nostri prodotti almeno due anni e sono sempre stati regolari con i pagamenti, e qui ci penserà l’amministrativo. Il nerd verificherà se quegli applicativi sono ancora in catalogo, se abbiamo fatto aggiornamenti o cose completamente nuove, e dovrà anche preparare, per ogni cliente, un elenco di prodotti che potrebbero essere di interesse.

Giornata piena, alla fine, perché ho trovato anche il tempo di fare qualche telefonata post-vendita e di fissare un appuntamento; al di fuori del progetto, ma sempre di lavoro si tratta, magari a quell’affittacamere forse posso vendere, in aggiunta al sito internet ed al booking on line, anche qualcosa per la contabilità, così magari finisce anche che paga le tasse.

Annunci