Problematiche

di cristinadellamore

Dunque, la cugina si è trasferita da noi e va bene, lei si sta occupando degli aspetti giuridici e fiscali della successione, e va bene anche questo, ma c’è almeno una cosa che non va bene.

“Non è normale che una donna della sua età, studentessa universitaria e tutto il resto, non veda nessuno, non voglia neanche parlare a telefono. Va bene il lutto, ma adesso esagera”, mi ha detto lei. Confesso che non ci avevo fatto caso, ha ragione. Del resto anche noi non siamo più uscite con le amiche, al massimo una pizza qui vicino in tre se non avevamo voglia di cucinare.

Cosa possiamo fare, mi chiedo, e la risposta è niente: sarà la cugina a decidere se e quando ricostruirsi una vita sociale. Lei è d’accordo con me, e già sta preparando i piani di battaglia per quest’inverno.

“Avrà bisogno di un posto dove tenere i libri e studiare”, ragiona a voce alta, “dovremo togliere il tavolo da pranzo di mamma e papà e sostituirlo con quel tavolino bistrot che è in cantina. Non voglio metterle pressione, le ho chiesto se devo occuparmi io dell’iscrizione all’università e lei ha detto no, grazie, posso farlo da sola”. Però forse è meglio parlarne ogni tanto, come per caso: è a Giurisprudenza, lei può lasciar cadere qualche frase ogni tanto.

Mi rendo conto improvvisamente conto che quando la abbiamo accompagnata a casa sua, la cugina ha preso in realtà pochissima roba, quasi soltanto biancheria, jeans e camicette. E sì che io non mi sono trattenuta, ho curiosato ed ho ammirato abiti e scarpe di gran classe.

“Sì, come se prevedesse di andarsene via presto. Ma secondo non è ancora pronta, e poi con l’assegno alimentare del padre e forse la reversibilità della madre quella casa non può mantenerla”. Ancora una volta lei mi ha letto nel pensiero, ormai non mi meraviglio più. Mi limito a sporgermi in avanti, così come sono, appollaiata sul bracciolo della poltrona, ed a baciarla. Lei mi dice sempre di non cominciare qualcosa che non posso finire, la cugina è di là che prepara a modo suo la cena e da un momento all’altro può chiamarci a tavola, ma ne ho troppa voglia, ed anche lei. Faremo aspettare la nostra ospite.

Annunci