Relazioni

di cristinadellamore

La relazione è pronta e la spedisco al direttore commerciale, che poi mandare una mail da una stanza all’altra mi fa sempre un po’ ridere. Il budget del progetto G è in attivo, per fortuna, anche se ho ricevuto parecchie telefonate dei clienti che si lamentano. No, non per il prodotto, ma perché sembra che gli affari non stiano andando poi così bene come avevano sperato e vorrebbero rinegoziare costi e commissioni. In questo caso io ho un po’ di autonomia, ma cerco di non usarla. Voglio dire, ci abbiamo pensato quando abbiamo fissato la scadenza del contratto alla fine dell’anno, diciamo un mese dopo la fine del Giubileo, certi che non sarebbero stati rinnovati se non in minima parte; per una campagna del genere siamo veramente sul filo del rasoio, abbiamo già ridotto all’osso tutti i costi, e qualche volta mi pento di non aver chiuso un paio di affari che davvero erano improponibili, tipo questo.

È stata anche una buona idea far pagare tutto e subito invece di fissare un canone mensile: magari avremmo trovato più clienti, qualcuno si è tirato indietro proprio per questo, ma accidenti, se vuoi fare l’imprenditore metticelo qualche soldo, non puoi pretendere di fare tutto a credito.

Adesso secondo il capo dovrei farmi venire qualche altra idea; non mi piace molto, per la verità. Non mi piace perché mi sembra un tentativo di togliermi dalla prima linea di vendita, non mi piace perché potrebbe essere il primo passo del tentativo di buttarmi fuori, e insomma non vorrei dovermi trovare incastrata in un lavoro che non mi piace in un posto dove non mi vogliono.

E comunque stiamo per andare in vacanza: per qualche settimana non ho nessuna voglia di pensare al lavoro: il mio impegna sarà pensare solo a lei e renderla felice per ogni minuto della giornata. Lei farà lo stesso per me, naturalmente.

Annunci