Eleganza

di cristinadellamore

Non so cosa mettermi, per pizza e cinemino, solo noi due, a due passi da casa e quindi andiamo a piedi.

Lei mi trova davanti all’armadio, ha già addosso i jeans che ha comprato, per scherzo o per scommessa, nel grande magazzino dai prezzi stracciati: neanche diciassette euro e le stanno divinamente; sul suo lato del letto è già pronta una polo blu a maniche lunghe, quindi niente formalità.

“Se resti ancora un po’ così mi fai passare la voglia di uscire”, mi dice lei. Sento fisicamente il peso del suo sguardo e del suo desiderio mentre sono lì, impalata, reggiseno e mutandine nere e nient’altro. Mi volto appena, lei allacciando con gesto aggraziato il reggiseno a balconcino che ogni tanto mette più che altro per scherzare, e nemmeno io ho più voglia di vedere un film.

“Da brava, sorprendimi, ti lascio due minuti”.

Mi lascia anche sola, è andata a cercare le scarpe, immagino. In un attimo decido, una minigonna un po’ ampia ed ondeggiante con una fantasia nera e gialla, maglietta gialla e giacca nera. Completerò il tutto con gli stivali che mi arrivano al polpaccio, con il tacco ampio e la punta quadrata.

Lei ritorna mentre infilo la maglietta e sono momentaneamente accecata, mi abbraccia e mi impedisce di continuare.

“Non hai fatto in tempo, paghi pegno”.

Ma certo, amore, tutto quello che vuoi. Gentilmente mi sfila le mutandine senza quasi sfiorarmi, quanto basta per eccitarmi.

“Per adesso basta così, al cinema ti toglierai anche il reggiseno”. E improvvisamente ho una gran voglia di andarlo a vedere, quel film.

Annunci