Sorriso in compagnia (2)

di cristinadellamore

Storie di Elfi e di Uomini

Lunga Treccia si rese conto, con un lampo del suo sconosciuto potere, che la puttana si stava divertendo. Sì, per lei era lavoro, ma il dialogo, le carezze date e ricevute, il calore delle braccia che la stringevano la stavano rendendo desiderosa a sua volta di giocare al gioco del piacere.
“Te l’avevo detto, sei abituato a comandare e si vede. Mio signore, puoi lasciare una monetina sul bancone per il padrone di casa, mentre io prendo altro vino”?

View original post 771 altre parole

Annunci