Cambio di stagione

di cristinadellamore

Stamattina, prima di uscire, lei ha contemplato i sandaletti col mezzo tacco che le stanno così bene sotto i pantaloni scuri, li ha messi da parte ed ha cercato nella scarpiera finché non ha trovato un paio di mocassini .

“Stamattina farà più freddo”, mi ha detto, “è meglio che anche tu rinunci a quelle”, e ha indicato le chanel che mi ha regalato proprio lei e che metto ogni volta che posso.

Non volevo cambiarle. So che a lei piace immaginarmi, durante il giorno, nelle pause dal lavoro, con quelle meravigliose scarpe; mi ha confessato che a volte le sembra di sentire il ticchettio dei tacchi dodici nel corridoio del suo ufficio.  “E pensa che c’è la moquette”, ha aggiunto  sorridendo.

Ho considerato le alternative: mocassini anche per me, o quei tronchetti che avevo comprato con entusiasmo per poi scoprire che mi stavano male, o i decolté che a lei però non piacevano per via del tacco troppo largo.

“Facciamo così, metti queste”, e mi ha offerto i suoi, che aveva comprato prima di conoscermi e che adoravo vederle indosso, con le suole rosse che tante volte ho devotamente ripulito con la lingua per il suo e mio piacere.

“Stasera le pulirò io, prima di cena”, ha concluso.

Annunci