La debolezza e la paura

di cristinadellamore

Da quando ho sposato lei, ho vissuto una vita troppo sicura e protetta.

Me ne sono accorta sulla pelle, perché ho dovuto guardare in faccia, come tanto tempo fa, cosa significa essere donna in Italia, sullo scorcio del Terzo Millennio.

Ogni donna, ed io lo avevo dimenticato, è una preda; ci può essere violenza anche solo verbale, avances pesanti e reiterate pur se lasciate cadere in quanto non gradite, ma il bersaglio siamo sempre noi.

Anzi, io. Perché una cosa è parlare delle donne aggredite, umiliate ed offese, una cosa è sentirselo addosso.

Quello che meno ho sopportato è stata poi la cosa forse più innocua, lo sguardo soddisfatto ed arrogante che mi è stato rivolto, come a dire che io, in fondo, non meritavo altro, ed avrei anche dovuto essere contenta di aver destato il suo interesse.

La prossima se qualcuno me lo chiede a quel modo, glielo faccio, e poi, sul più bello, mordo.

Annunci