Cucina d’amore

di cristinadellamore

La cucina, qui, è enorme ed attrezzatissima, non come quella, un po’ sacrificata, della casa in città.

Lei mi ha spiegato che è stata proprio la nonna, casalinga evolutissima, più che la madre, ad insegnarle la maggior parte delle cose che conosce in materia di cucina. Poi mi ha raccontato che una volta la madre andò a passare un fine settimana trascgressivo da suo padre, quando non erano ancora sposati, portandosi la biancheria sexy ed il necessario per preparare i tortellini in casa.

Oggi abbiamo deciso di preparare uno sformato di cipolle, ed il problema è stato decidere chi dovesse pelarne due chili; lei però doveva pagare pegno per un piccolo errore, e allora si è spogliata, io le ho messo il collare, ho preso il frustino ed ho dato inizio alla punizione.

Tempo limitato e fette sottili: ogni volta che mi sembrava facesse un lavoro un po’ abborracciato le ricordavo con un colpetto di stare più attenta.

Alla scadenza, erano rimaste solo due cipolle da pelare: due frustate sui seni.

Lo sformato era ottimo e lo abbiamo mangiato di gusto.

Annunci