Da qualche parte

di cristinadellamore

Quando corriamo, la mattina presto, siamo in genere le sole per strada, nel quartiere elegante dove abitiamo. D’inverno è spesso ancora buio, fa freddo, e ci copriamo con le tute più pesanti cui a volte aggiungiamo anche un vecchio maglione.

Questa però è la stagione migliore. C’è già il sole, l’aria non è rovente e se siamo fortunate c’è anche una qualche brezzolina. Quindi calzoncini, reggiseno sportivo e basta. Lei mi dice di starle davanti, ed io lo so perché, vuole ammirare il mio culo del quale non ha mai abbastanza, ma anch’io voglio guardare lei, e allora facciamo a turno, perché adoro vedere la sua figura sottile che fila via quasi senza peso.

C’è molto verde, alberi, aiuole, ed anche un parco con tante siepi. Ed ogni volta mi riprometto che sì, un giorno lo farò. Quando sarò davanti farò finta di inciampare, cadrò e quando lei si chinerà su di me, con il suo sguardo pieno d’amore ed un’espressione preoccupata la stringerò, la tirerò a terra su di me e faremo l’amore lì, al riparo di una siepe, prima di tornare a casa senza correre e tenendoci per mano.

Annunci