Lesson one: the sub is on the table

di cristinadellamore

Io voglio essere tutto, per lei. E lei non me lo aveva mai chiesto, ma io lo sapevo che aveva voglia di giocare alla dominatrice, non solo, ma davvero di farmi un po’ male.

E allora sono stata io a chiederglielo, e lei diceva no, non voglio, e alla fine si è convinta.  Mi sono spogliata per lei, le ho chiesto come dovevo mettermi e lei ha trovato tutta la calma necessaria per infonderla anche a me e per farmi sdraiare a pancia in su sul tavolo della cucina, nuda per lei, legandomi in qualche modo polsi e caviglie.

“Vuoi essere bendata?”, mi ha chiesto, ed io ho risposto di no, mi fa impressione, e per favore, ho continuato, fai presto perché se ci penso ancora un po’ cambio idea.

Con la cinghia dei pantaloni sono state cinque frustate sui seni ed io le ho detto che la amavo ad ogni colpo.

Poi, senza slegarmi, mi ha accarezzato e mi ha fatto venire urlando il suo nome. Mi ha promesso che ogni tanto lo rifaremo, e che devo anche io cominciare a frustare lei. Andremo a fare la spesa in un sexy shop, alla prima occasione.

 

Annunci